Rome Parade. La Parata musicale e coreografica più bella di Roma

Roma, nonostante la sua – purtroppo – indiscutibile caduta verso il basso, tra oscurità malavitose e carenze di quasi tutti i suoi servizi ai cittadini, resta la città tra le più belle al mondo: anche generosa nell’accogliere eventi di festa e cultura spesso gratuiti per tutti.

 

E’ questo il caso della spettacolare Rome Parade, parata del primo gennaio che, in questa edizione 2020, dalle ore 15:30, ha animato un percorso da piazza del Popolo a Via del Corso, Via Frattina, Piazza di Spagna, Via del Babuino, per tornare a Piazza del Popolo, arena creata per l’occasione, dove il pubblico ha avuto a disposizione tribuna per sedersi e godere del grandioso spettacolo dal vivo e sui maxischermi – con più di mille musicisti, tra giovani studenti delle più prestigiose High School Band statunitensi, bande italiane, sbandieratori, majorette, gruppi folk, rievocatori storici romani, artisti di strada.

Nella kermesse erano e sono compresi anche alcuni concerti a seguire, all’interno di Chiese e Basiliche del centro storico, con repertori di musica sacra e classica tenuti da alcune delle formazioni coinvolte e un gran finale della Ramsey High School Jazz Ensemble venerdì 3 gennaio alle ore 16.30 a Piazza Mignanelli con una coinvolgente esibizione all’aria aperta. Il tempo clemente ha facilitato il tutto.

Afferma Bob Bone, CEO di Destination Events, che da anni cura la versione londinese (la London New Year Parade), di sentire il privilegio di avere Roma come scenografia, perché la città “offre uno scenario mozzafiato unico (…), in un tripudio di colori soprattutto all’ora del tramonto”, e i cittadini e i turisti “che hanno la fortuna di visitarla”, possono godere di musica e coreografie di quella che rappresenta un’iniziativa tra le più emozionanti e spettacolari in Europa che proprio nella Capitale ha forse la più bella cornice che la valorizza.

La parata, giunta al suo 14° anno di vita, ha visto, per più di due ore, musicisti e performer in marcia tra gli applausi di un pubblico enorme, entusiasta, garantito anche da un servizio d’ordine e organizzativo eccezionale.

Peccato, invece, per la Metropolitana della linea A di Spagna, che ha pesantemente risentito, all’ora della chiusura della Parata, della mole di utenti concentratasi: mancava del personale adeguato considerando la situazione e ha registrato intoppi anche delle ormai famigerate scale mobili.

Ad ogni modo, dopo la piacevole Press Preview riservata alla Stampa nel piccolo ma confortevole ed elegante Hotel Il Palazzetto della catena Hassler Roma, per noi una piacevole scoperta, anche per il suo terrazzo interno molto bello, e comodissimo per ubicazione, in via del Bottino all’uscita della Metro A Spagna, seppur penalizzato dalla sporcizia della strada, superaffollata e maltenuta, ci siamo tutti riversati nelle aree della parata, godendo della presenza e dello spettacolo delle Associazioni Riunite di Rievocazione Storica Romana, l’Associazione Bandistica Città di Mentana con Majorettes, gli Artefatti Trampoli di Roma, l’Associazione Filarmonica Vejanese di Vejano (VT), gli straordinari e pluripremiati Sbandieratori di Castiglion Fiorentino, le Majorette Medullia di Sant’Angelo Romano, l’Amaseno Harmony Show Band di Frosinone, il Gruppo Folkloristico Ma Tru’di di Amatrice e il Gruppo Folk ‘La Frustica’ di Faleria; dagli Stati Uniti le marching bands Olivet Nazarene University Tiger Marching Band (Illinois), Olivet College Marching Comets (Michigan), Hinsdale Central High School Red Devil Marching Band (Illinois), Hickory Ridge High School Blue Regiment (North Carolina), Ramsey High School ‘Big Blue’ Marching Band (New Jersey) e la North Port High School Alliance Marching Band (Florida).

 

A ruotare le bacchette in spettacolari coreografie, le croate Nedelišće Majorettes e i numerosissimi componenti della formazione Varsity Spirit All-American Dancers & Cheerleaders, con movimenti su noti successi pop internazionali.

Ci perdoni chi non è stato qui nominato, ma la presenza di partecipanti è stata talmente vasta da non riuscire a contare tutti: qualità, professionalità, e gioia, sono state palesate da ognuno. Il pubblico ha evidentemente gradito poiché tutto il percorso è stato gremito in modo gigantesco di persone e non si sono registrati inconvenienti.

La musica ma anche la scenografia della Parade – arricchita anche da tipici mezzi di trasporto Made in Italy quali le vespe, le Fiat 500 vintage, biciclette vintage del ‘900, e anche più pratiche auto della ShareNGo, appositamente adibite al trasporto e alla diffusione della musica, e dai grandi palloni a tema “Rome Parade”, “Gladiatore”, “Senatore” e “Centurione”, trasportati da studenti e della Menomonee Falls High School Symphonic Orchestra di Menomonee Falls, Wisconsin – sono state davvero soddisfacenti, l’allegria e la qualità alte; tutto è stato raccontato in diretta dal giornalista e conduttore radio-televisivo Stefano Raucci, dalle attrici e conduttrici Sabrina Crocco e Claudia Conte tra uno spiegamento di fotografi, molti dall’estero, come si vede solo in eventi di grande importanza e share.

Info
http://romeparade.com
Organizzazione: Destination Events – www.destinationevents.com
Patrocinio: Comune di Roma
Sede Rome Parade: 1 Turnham Green Terrace Mews, Chiswick, London, W4 1QU, United Kingdom
Contatti: T: + 44 (0) 20 3275 0190 – F: + 44 (0) 20 3275 0199 – info@romeparade.com
Ufficio Stampa: Elisabetta Castiglioni – www.elisabettacastiglioni.it/rome-parade-2020 info@elisabettacastiglioni.it

a cura di Barbara Martusciello
immagini di Guido Laudani, Paolo Di Pasquale, Barbara Martusciello
  • Comments ( 0 )

  • Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

TOP

Questo sito utilizza cookie anche di profilazione. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi