Per I Giovedì della Villa il 25 gennaio si raccontano Werner Oechslin e Patrizia Sandretto Re Rebaudengo con Ludovico Pratesi

immagine I Giovedì della Villa

La passione per i libri e il collezionismo d’artista, giovedì 25 gennaio a Villa Medici negli incontri con lo storico dell’arte e dell’architettura Werner Oechslin (Come ho costruito una biblioteca) con Patrizia Sandretto Re Rebaudengo (Dalla Collezione alle Fondazioni: 26 anni di passione per l’arte contemporanea) personaggio-chiave della scena artistica italiana e internazionale, a colloquio con il critico Ludovico Pratesi, per I Giovedì della Villa ideati dalla direttrice Muriel Mayette-Holtz e a cura di  Cristiano Leone.

Creare una biblioteca all’epoca di internet e Wikipedia potrà sembrare anacronistico, se non inutile. Eppure, per Werner Oechslin, fondatore della Werner Oechslin Library che porta il suo nome, inventarla è stata una necessità per opporre al Big Data le strutture e le forme del sapere.

Meno liquido e più… cartaceo, pur senza contrapposizione. Così, la biblioteca è strumento intelligente per conciliare e unire ciò che è più o meno valido, per ammettere i contrasti e i conflitti e soprattutto il dubbio e l’interrogazione.

Nell’incontro a Villa Medici, Werner Oechslin – invitato dall’architetto e borsista Marc Leschelier – condurrà, dalle ore 19.00, il pubblico all’interno della sua straordinaria raccolta letteraria, ripercorrendo la storia di questo progetto insolito.

Patrizia Sandretto Re Rebaudengo racconterà, dalle 20.30, i suoi 26 anni di passione per l’arte contemporanea in quella che si pone come utile occasione per scoprire i progetti culturali di una delle più importanti Fondazioni del settore, fino alla neonata Fundacion de Madrid.

immagine I Giovedì della Villa, invito
Villa Medici, invito

Patrizia Sandretto Re Rebaudengo è fondatrice e presidente della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, creata nel 1995, quando la passione per l’arte si trasforma in attività.

Dopo la laurea in Economia e Commercio all’Università di Torino, si avvicina all’arte contemporanea, come collezionista, all’inizio degli anni ’90.

Nel 1997 inaugura la prima sede della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo a Guarene d’Alba, nelle sale del Palazzo Re Rebaudengo, residenza settecentesca tra le colline piemontesi.

Nel 2002, la Fondazione prosegue nella sua attività di sviluppo e promozione dell’arte contemporanea, inaugurando uno spazio espositivo a Torino, un centro di livello internazionale per lo studio, la sperimentazione e il confronto di artisti, critici, curatori e collezionisti di tutto il mondo.

Nel 2017, nasce Fundacion Sandretto Re Rebaudengo Madrid, la cui sede, progettata dall’architetto David Adjaye, sorgerà negli spazi della Nave 9 del Centro de Creación Contemporánea Matadero di Madrid.

I Giovedì della Villa sono in diretta su www.facebook.com/VillaMedici.VillaMedicis e Twitter #giovedìdellavilla, #jeudisdelavilla

I Giovedì della Villa
  • Ingresso gratuito (nel limite dei posti disponibili)
  • Incontri in italiano o francese con traduzione simultanea
Accademia di Francia a Roma – Villa Medici
Ufficio stampa | Italia
Testo di Paolo di Pasquale
  • Commenti ( 0 )

  • Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

TORNA SU

Questo sito utilizza cookie anche di profilazione. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi